Questa pagina è stata migrata all'interno del portale del Centro Interdipartimentale di Studi Ebraici.
Si consiglia di aggiornare i propri bookmark.

Ebrei stranieri in Italia: 1940-1945

Presentiamo i risultati di una ricerca sugli ebrei stranieri condannati internati in Italia negli anni 1940-1943. Il database che ne racchiude le informazioni ottenute e le rende consultabili è stato realizzato grazie ad una forte volontà di ricerca della Conference on Jewish material claims against Germany e del Dipartimento di Storia Contemporanea dell'Università di Pisa, nella importante guida scientifica del prof. Paolo Pezzino e nella collaborazione del dott. Guri Schwarz.

Le informazioni sugli internati fanno riferimento ad uno specifico fondo del Ministero dell'Interno, Internati stranieri e spionaggio, contenente tutti i fascicoli personali degli ebrei, e non solo, destinati all'internamento dopo l'entrata in guerra dell'Italia.

Il database permette di fare ricerche in diversi campi sintetici. Inoltre, dove disponibile, nel campo Notasono presenti informazioni più articolate. Abbiamo fatto ricorso ai dati presenti ne Il Libro della Memoria (Milano 2002) di Liliana Picciotto per le informazioni relative alle deportazioni dall'Italia. Questa ricerca ha consentito di riportare alla luce i nomi degli ebrei stranieri internati in Italia e che non sono stati deportati oltre a nuovinomi di ebrei stranieri arrestati dalle autorità tedesche e italiane e vittime della Shoà. Questo database è un work in progress: non fornisce per tutti gli internati le stesse informazioni perchè non tutta la documentazione è stata ancora analizzata in maniera esaustiva. Si è infatti dovuto procedere, in collaborazione con l'Archivio Centrale dello Stato, all'inventariazione analitica dell'intero fondo, che consta di circa 15300 fascicoli, per individuare, tra tutti gli internati, gli ebrei stranieri. Dei 5830 fascicoli a loro intestati, che corrispondono a più di 10000 internati, si è raggiunto lo studio approfondito di oltre il 70% e si continuerà con lo studio dei fascicoli mancanti. L'elenco presentato è comunque esaustivo nei campi riguardanti i dati anagrafici e la deportazione e soprattutto fornisce, per le persone qui citate, la certezza dell'internamento in Italia.

Ognuno di questi nomi, grazie alla ricerca svolta è stato riportato alla luce per fornire, speriamo ancora oggi, frammenti di vita a persone che magari li hanno cercati in tutti questi anni, forse senza immaginare che erano "nascosti", ancora, qui...in Italia. Questo database sarà comunque aggiornato, completato, migliorato... Sperando che la ricerca continui, che la ricerca si ampli, perché nessuno venga dimenticato, MAI.

Il non facile reperimento delle informazioni archivistiche è stato realizzato grazie alla preziosissima collaborazione della dott.ssa Lucilla Garofalo, archivista dell'Archivio Centrale dello Stato di Roma e la parte informatica è stata realizzata grazie agli indispensabili consigli del dott. Matteo Menghi.

Coloro che eventualmente si riconoscessero tra le persone qui menzionate, oppure parenti degli internat, che volessero renderci noti elementi utili ad arricchire la conoscenza dell'esperienza dell'internamento possono rivolgersi al seguente indirizzo email: internatiebreistranieri@gmail.com

Pisa, 30 aprile 2009

Dott.ssa Francesca Cappella